BARRICATE A LIRQUéN IN SOSTEGNO DEI PRIGIONIERI DEL CASO CUYINPALIHUE

Durante la mattina di Mercoledì, i manifestanti hanno acceso barricate sulla strada 150, tra il Tomé e Lirquén, di fronte al Liceo Rios del Cile. I manifestanti hanno appeso uno striscione per sostenere i prigionieri politici Mapuche del cosiddetto “Caso Cuyinpalihue” arrestati in agosto 2016.

Ci sono 8 persone che sono state arrestate dopo una procedura di polizia effettuata nel mese di agosto 2016 nel comune di Cañete. I detenuti sono accusati di aver bruciato macchine forestali in una zona che le comunità Mapuche hanno indicato appartenente a loro, sostenendo che Forestal Arauco usurpa il loro territorio. Lo striscione trovato sul posto diceva “Migliori condizioni per i prigionieri politici di Lebu. Questo non è un montaggio è resistenza e sabotaggio. Marrichiweo”.

Nella procedura di polizia che si è conclusa con gli 8 detenuti -Juan Meñaco, Juan Acricio Chule (Comunità di Caupolicán), César Millanao (Comunità di Wechun), Miguel Llanquileo (Comunità di Juan Nahuelhaul), Dionisio Quiñilén (Choque) e Rodrigo Melimán (Ponotro) più Nicolas Railaf (imprigionato a Temuco) e Roberto Paillán, minore con gli arresti domiciliari a Nueva Imperial- ha partecipato il contestato ufficiale dei servizi segreti Leonardo Osses, che è stato accusato di essere responsabile dietro molteplici arresti e procedimenti che si sono conclusi con diversi comuneros Mapuche formalizzati per il reato detenzione di munizioni.

Questo ufficiale dei servizi segreti conta tra i suoi precedenti il fatto di essere stato processato dal Procuratore Militare per il reato di “infedeltà sotto la custodia di documenti”, perché Osses ordinò di bruciare un libro in servizio dell’unità di polizia dove era stato registrato che di solito si portava la sua arma di servizio, una pistola 9 millimetri semiautomatica con 15 colpi, che è stata assegnata a lui e che poi è apparsa come perduta.

Tutto è finito senza arresti.

 

Fonte: https://resumen.cl/2017/03/barricadas-en-lirquen-en-apoyo-a-presos-del-caso-cuyinpalihue/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: