AGGIORNAMENTO DELLA SITUAZIONE GIURIDICA DELLA MACHI FRANCISCA LINCONAO ED APPELLO ALLA MOBILITAZIONE

Con data mercoledì 22 marzo 2017, la portavoce della Machi Francisca Linconao, realizza la seguente dichiarazione:

Negli ultimi giorni sono state diffuse informazioni false rispetto alla situazione giuridica della machi Francisca Linconao, pertanto chiariamo:

La settimana scorsa è stato richiesto in tribunale il cambiamento di misura cautelare,da arresto domiciliare totale ad arresto domiciliare notturno, affinché la machi Francisca possa realizzare alcune attività molto importanti, come la raccolta del lawen (piante medicinali) in vari territori e la preparazione delle sue cerimonie,attività comprese negli accordi vigenti della legislazione nazionale come la convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Tale richiesta non è stata accettata dalla giudice in carica, concedendo un permesso per 20 giorni affinché la machi possa realizzare attività di giorno muovendosi esclusivamente dentro la regione, i quali inizierebbero da quando la risoluzione sia esecutiva, cioè dopo 5 giorni dall’udienza se non esiste appello, ma ieri martedì 21 Marzo i querelanti hannoo ricorso per cui si realizzerà un’udienza alla corte d’appello entro una settimana.

Pertanto la machi non ha avuto un cambiamento di misure cautelari né permesso per 20 giorni.

Di nuovo ci troviamo davanti al razzismo del sistema giudiziale e dei querelanti che senza che esista ancora una condanna contro la machi gli hanno impedito nuovamente di poter esercitare il suo diritto legittimo ad essere mapuche, a realizzare le sue cerimonie a continuare a guarirsi e guarire chi ha bisogno di lei.

Lo stato è complice diretto di questa aberrazione contro la machi Francisca Linconao, un nuovo attentato alle tradizioni culturali mapuche, davanti ai nostri occhi continuano a succedere fatti di completa ingiustizia e persecuzione.

Chiamiamo con ancora più forza a mobilitarsi il 30 di Marzo, poiché dobbiamo rivelare al mondo questa gran ingiustizia ad una donna mapuche che merita il massimo rispetto, attenzione e gratitudine per il suo lavoro.

Ringraziando tutti coloro che ci hanno sostenuto e vogliono condividere questa lotta, chiediamo che si sommino alla coordinazione che nasce dalla famiglia, comunità e rete d’appoggio di Temuco, comprendendo che questa lotta è la lotta del popolo mapuche che da secoli resiste. Quando difendiamo la machi Francisca difendiamo un’autorità ancestrale e spirituale mapuche ed aderiamo alla causa del popolo mapuche ed alla difesa della ñuke mapu (la madre terra).

È importante che chi partecipa in questa lotta sappia che per organizzare tante comunità, organizzazioni e persone si fa un grande sforzo e si deve mantenere una linea di comunicazione ed informazione chiara, stabile ed affidabile.

Per questo si prega coloro che vogliano informarsi del processo in generale che facciano riferimento solamente ai comunicati pubblici ed alla portavoce della machi che è in costante contatto con la famiglia, medici ed avvocati incaricati di questo caso.

PEUKAYALL PU LAMUEN KA CHALTUMAY!!!

TEMUCO, 22 marzo 2017

Testo tradotto da http://www.mapuexpress.org/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: