Sulle condizioni di detenzione di Facundo Huala

Sonia Ivanoff, avvocatessa di Facundo Jones Huala, ha riferito che il lonko si trova detenuto nel carcere di massima sicurezza di Llancahue a Valdivia, Cile, in seguito alla sua estradizione ad inizio settembre, in attesa del processo che comincerà il 4 dicembre e avrà una durata fra i 7 e i 10 giorni. Ivanoff ha denunciato le cattive condizioni di detenzione del proprio assistito, senza riscaldamento, senza vetri per l’areazione e in presenza di umidità con infiltrazioni. Anche in tali condizioni esce dalla cella alle 8.30 e non può ritornarci fino alle 16.30, tempo che trascorre nel cortile del carcere, qualunque sia la condizione climatica.
Segnala che avvocati del paese andino stanno assistendo l’integrante del Pu Lof in Resistenza Cushamen, e che lei non ha ancora potuto raggiungerlo perché sta seguendo la causa aperta dal giudice Martin Zacchino ad Esquel, per usurpazione, in base alla denuncia della Compagnia delle Terre del Sud Argentino del gruppo Benetton. L’avvocatessa sta lavorando per capire come si risolverà e mette in discussione il fatto che nonostante una misura cautelare disposta dal Comitato dei Diritti Umani dell’ONU il 5 settembre, lo Stato argentino non abbia osservato la misura ed ha proceduto ad estradare Jones Huala.
Ivanoff ha informato che venerdì lo Stato argentino ha dovuto sottoporsi all’esame di Ginevra, di fronte agli esperti che tutelano il compimento del Patto Internazionale dei Diritti Economici, Sociali e Culturali, occasione in cui è stata messa in rilievo la mancanza di compimento della misura cautelare.

“La risposta della delegazione argentina è stata molto deficitaria, in modo particolare l’esposizione del sottosegretario della Protezione dei Diritti Umani Brian Schapiro”, ha sottolineato l’avvocatessa.

Condizioni di detenzione

Sulle condizioni di detenzione del lonko in Cile, Ivanoff ha manifestato che la situazione è ancora più critica quando non ci sono familiari lì o non possono viaggiare, perché alcuni degli integranti hanno delle cause processuali per interruzione delle strade o proteste, nell’ambito della Giustizia Federale nel nostro paese e oltre alle confische hanno ricevuto anche l’ordine di non uscire dal paese.

Ha spiegato che il carcere dove si trova Facundo Jones Huala in Cile è gestita da un’impresa privata tramite una concessione dello Stato e non ha i requisiti minimi di comunicazione di cui disponeva nell’Unità 14 ad Esquel.

Fonte:

http://www.limite42.com/2018/10/chile-jones-huala-preso-casi-la.html#sthash.1yIiSnby.PCRL6yxD.dpbs

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: