Corteo mapuche è represso dalla polizia nelle strade di Temuco

Rodrigo Fuentes

La colonna ha continuato il suo cammino nonostante il rifiuto dei Carabinieri, che alla fine hanno disperso i partecipanti con gas lacrimogeni. Il comunero Marcelo Catrillanca ha dichiarato che continueranno a mobilitarsi senza autorizzazioni e per la libera determinazione del popolo originario.

Un nuovo corteo mapuche per la libera determinazione e la smilitarizzazione dell’Araucanía è stato effettuato questo mercoledì a Temuco.

Le autorità e i rappresentanti del popolo originario, che fanno parte del Movimento Mapuche Riunito a Temucuicui, hanno fatto un appello a marciare pacificamente per la seconda volta, senza contare sull’autorizzazione delle autorità del Governo regionale.

Nonostante ciò, dopo aver camminato per due isolati, la colonna è stata repressa da un forte contingente poliziesco. Nonostante ciò, parte della colonna è riuscita a giungere all’intendenza della zona, luogo dove era prevista la fine della protesta.

Marcelo Catrillanca, padre del giovane assassinato dai Carabinieri, Camilo Catrillanca, ha affermato che continueranno a convocare manifestazioni senza autorizzazioni, giacché non si sta facendo appello alla violenza.

Ha affermato che, tanto l’intendente Jorge Atton, come il governatore della Provincia di Cautín, Mauricio Ojeda, hanno nuovamente discriminato il popolo originario.

“Quello che noi vogliamo è che non ci sia violenza, non vogliamo che ci si accusi di iniziarla. Come potete vedere c’è un forte contingente di polizia e noi siamo tranquilli, continueremo a marciare in pace, anche se non c’è un’autorizzazione. Dimostriamo il nostro scontento per l’omicidio di Camilo Catrillanca, per la brutale repressione che le autorità esercitano nel nostro territorio, per la libera determinazione e la fine della repressione”, ha affermato.

La convocazione a manifestare è stata promossa dopo la passata mobilitazione, avvenuta il 20 marzo e che terminò con più di 20 arresti, tra loro, due minori d’età.

“Non mi era mai toccato vedere in città l’uso di, per esempio, fucili antisommossa. Questi fatti li facciamo conoscere attraverso un ricorso di tutela preventiva presentato alla Corte d’Appello di Temuco, che lo sta esaminando in questi momenti. Deploriamo questa condotta sproporzionata, non solo è al margine della legge, dei trattati internazionali, ma anche dei medesimi protocolli che che regolano la forza pubblica”, ha dichiarato.

Il corteo di questo mercoledì, non solo è stato convocato nella città di Temuco, ma anche in altre città del paese. A Puerto Aysén, Valparaíso e Santiago, la comunità ha manifestato per la libera determinazione e la smilitarizzazione dell’Araucanía.

Nel frattempo, questo mercoledì, la Procura di Temuco ha deciso di chiudere l’indagine per il delitto di ricettazione, che era stata iniziata contro l’adolescente che accompagnava Camilo Catrillanca, nel momento in cui era assassinato dai Carabinieri nel novembre del 2018.

La causa citata discende dall’eventuale furto di veicoli che danneggiò tre professoresse e che generò la procedura o la montatura poliziesca che terminò con l’omicidio del giovane comunero.

L’avvocato della famiglia del bambino, Sebastián Saavedra, ha apprezzato in parte la misura dell’organismo accusatore, e ha sostenuto che era impossibile affermare un’altra cosa, dato che il minore non ebbe nessun coinvolgimento nei fatti descritti dalla polizia.

“Noi crediamo che qui si dovesse decretare l’archiviazione definitiva, per la situazione concreta che gli toccò vivere, un adolescente che non solo vide morire il suo amico, ma subì anche sollecitazioni da parte dei Carabinieri, senza che ci fosse un fondamento per procedere alla sua detenzione, di fatto, il medesimo controllo di detenzione lo dichiarò illegale”, ha sottolineato.

Bisogna ricordare alla fine che il Pubblico Ministero ha confermato che nei prossimi giorni sarà presentata l’accusa per iniziare il processo contro i carabinieri imputati per l’assassinio di Camilo Catrillanca.

Diario UChile

3 aprile 2019

Resumen Latinoamericano

https://www.facebook.com/RadioMiradorOficial/videos/1264486527037283/

Fonte: https://comitatocarlosfonseca.noblogs.org/post/2019/04/04/corteo-mapuche-e-represso-dalla-polizia-nelle-strade-di-temuco/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: