COMUNICATO PUBBLICO DELLA COMUNITÀ MAPUCHE DI CUSHAMEN

Dalla Pu Lof in Resistenza di Curramapu, territorio del LONKO FACUNDO HUALA,  prigioniero politico mapuche , vogliamo denunciare lo Stato cileno e il suo sistema carcerario , per la sua negligenza e le mancate condizioni per riguardare la salute e l’integrità fisica dei detenutx, in particolare dei prigionieri politici mapuche , come è successo specificamente con il LONKO FACUNDO HUALA il giorno 24 Aprile quando a effettuato  un colloquio con una psicologa di Gendarmeria, che in tutta normalità ha svolto l’intervista sapendo che poteva essere un probabile caso di  Covid19 e dando risultato positivo  alcune ore più tardi , lasciando ora espuesto il LONKO FACUNDO HUALA a un possibile contagio , lo quale a fatto  scattare  il suo trasferimento dal modulo dei prigionieri politici mapuche a un recinto CCP di Temuco per l’isolamento preventivo per 15 giorni.
Fino adesso non si ha realizzato il test medico  pertinente , per cui non si può confermare ancora la positività del contagio.
Lo Stato cileno ha dimostrato ancora una volta il suo disprezzo,il suo razzismo e il suo atteggiamento fascista di fronte alla pandemia, non rispettando la vulnerabilità dei prigionieri politici mapuche,  restringendo l’ingresso di articoli d’igiene  e di alimenti  necessari  al bisogno culturale del popolo Mapuche.
Sempre su queste stesse normative restrittive,  è stato vietato l’ingresso delle monete per l’uso del telefono che li permette di comunicare con l’esterno.
Ma questa atteggiamento sicuramente non è uguale per gli assassini , genocidi che sono stati liberati,come l’assassinio del weichafe Camilo Catrillanca.
Ricordiamo che il LONKO FACUNDO HUALA è stato estradato dal governo argentino sordo,  nonostante le recomendazioni esplicite pronunciate dell’ ONU ,avvertendo che Cile non contaba con gli standard internazionali per assicurare delle condizioni carcerarie degne .
Per cui, esigiamo allo Stato argentino di prendere le misure necessarie  per il rempatrio di nostro LONKO FACUNDO HUALA in forma urgente , intervenendo con responsabilità indipendentemente chi sia il Presidente di turno.
Esigiamo al governo cileno e alle istituzioni della Gendarmeria di Cile :
–  la comunicazione fluida del LONKO FACUNDO HUALA con la sua comunità e la sua famiglia che ci troviamo tutti nel Puelmapu e che non abbiamo la possibilità di spostarci per la quarentena.
–  la volontà politica sulla situazione processuale in cui si trova attualmente il LONKO FACUNDO HUALA  e si riesca a procedere con il rempatrio al Puelmapu dovuto che la sua vita è stata messa in pericolo e ora si devono prendere le propie responsabilità.

Come membri della Pu lof Cushamen e come famigliari del Lonko,  porteremo avanti tutte le istanze pertinenti davanti gli organismi internazionali per denunciare lo Stato cileno per aver esposto l’integrità fisica e spirituale  di un’autorità ancestrale mapuche e che stato  sottomesso a un trattamento crudele e disumano.
Facciamo una chiamata a tutto il popolo nazione mapuche a manifestarsi e a esigere la libertà di tutti i prigionieri politici mapuche  e per il ritorno nel suo territorio  del LONKO FACUNDO HUALA.
Facciamo anche una chiamata alle organizzazioni nazionali e internazionali a pronunciarsi e esigere una soluzione immediata allo Stato cileno come allo Stato argentino.
Pensiamo sia un momento opportuno per una riparazione storica verso il popolo Mapuche.

LIBERTÀ PER TUTTI I PRIGIONIERI POLITICI MAPUCHE!

FUORI LE MINIERE,  LE PETROLIFERE, LE IDROELETTRICHE E LE IMPRESE FORESTALI DAL WALLMAPU.!

FUORI LATIFONDISTI E LE MULTINAZIONALI DEL TERRITORIO MAPUCHE  !

Contatto: 54 – 92944123112

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: