Dichiarazione della famiglia e comunità del peñi Gonzalo Millapan

Oggi in data 26-04-2021. Dichiariamo in seguito:


Dopo l’attentato genocida e omicida contro la nostra gente riunita nel trawun di recupero territoriale del lof Caucauche in uno spazio della comunità. Questi giorni da quando il peñi-lamngen Gonzalo Millapan ha fatto ingresso nell’ospedale regionale di Temuco, abbiamo sofferto diversi tipi di discriminazioni e sopraffazione con la violazione dei diritti di base di attenzione medica.


KIÑE: Il nostro lamngen è stato in attesa per cinque ore in pronto soccorso.


EPU: Abbiamo chiesto che fosse spostato verso una clinica e ci è stato stato rifiutato, a causa della grave situazione della pallottola inserita nel suo occhio. Stava per essere spostato da un elicottero della FACH verso la capitale di Santiago.


KULA: poi, questa azione non si realizza per un supposto risultato di COVID positivo, motivo per cui non poteva essere assistito. Risultato positivo che è stato adulterato e abbiamo i rapporti che confermano il contrario, che il risultato era negativo. (immagine in allegato)


Meli: Fino a ieri, durante il giorno, abbiamo richiesto all’Ospedale di lasciare libero il peñi-lamngen per portarlo in un centro privato, il cui costo sarebbe finanziato dal lof in resistenza e i pu peñi, pu lamngen. Ciò è stato nuovamente negato, senza nessun tipo di attenzione di salute di base. Fino ad oggi, quando i pu lofche entrano nel recinto per portare via il peñi-lamngen perché non aveva ricevuto nessun tipo di attenzione di base, questo secondo la testimonianza Gonzalo Millapan.


In questo momento il peñi-lamngen si trova in un padiglione, si fa un appello a stare attenti alla diagnosi e all’evoluzione dell’operazione, e insieme, a possibili mobilitazioni e decisioni di ogni pu lof.


Queste situazioni di negligenza, discriminazione e sopraffazioni non sono altro che una condotta repressiva del governo e dei suoi organi di stato, come lo è in questo caso il servizio pubblico di salute, il quale, crediamo, occulta le azioni che realizza la fascista e razzista governatrice Carolina Marchant, che ha ammesso la repressione, mutilazione e tentativo di omicidio dei nostri pu peñi ka pu lamngen in resistenza e recuperazione legittima di nostri territori.


Non escludiamo di intraprendere azioni giudiziarie contro i responsabili.


AMULEPE TAIÑ WEICHAN
INKAYAIÑ TAIÑ MAPU
LIBERTAD A LOS PRESOS POLITICOS MAPUCHE 
BASTA DE MILITARIZACION EN WALLMAPU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: