Felipe Santana, prigioniero politico in Cile a soli 20 anni.

Solidarietà Internazionalista Anticarceraria per la Libertà di Felipe Santana, giovane cileno detenuto il 14 novembre 2019 durante il contesto della rivolta in Cile che è stato accusato di bruciare una panchina del duomo della città di Puerto Montt, Cile.

Felipe è stato condannato a 7 anni e 4 mesi di prigione politica, accusato di diversi delitti che non sono mai stati provati.

A soli 20 anni, questo prigioniero politico della rivolta del 18 ottobre, dice con molta convinzione che l’unica cosa lo ha spinto a scendere per strada e lottare è stata la volontà di ottenere dignità per il suo popolo.

Ora, in carcere, si trova a resistere all’oppressione dallo Stato.

In questi giorni, suo avvocato presenterà un ricorso per la sua libertà davanti al Tribunale della Corte Suprema di Santiago.

Esprimiamo, dall’Italia, il nostro totale sostegno a Felipe Santana ed esigiamo la sua liberazione come prigioniero politico della rivolta cilena.

CHI DIMENTICA I/LE PRIGIONIERX POLITICX,

SI DIMENTICA DELLA LOTTA

Le compagne e i compagni della Rete Internazionale in Difesa del popolo Mapuche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: