Iniziative

14 AGOSTO 2022 – VERITÀ E GIUSTIZIA PER TUTTE ÑE VITTIME FIRMATE BENETTON – Presidio in Piazza Duomo, Treviso – ore 10.


1 AGOSTO 2022 – TREVISO – Volantinaggio davanti il negozio Benetton, Piazza  Indipendenza 5 – ore 18

1 AGOSTO 2022 – MILANO – PRESIDIO DAVANTI AL NEGOZIO BENETTON DI CORSO BUENOS AIRES – ORE 18.

1 AGOSTO 2022 – UNA CANZONE PER SANTIAGO – OSTUNI CLIMATE CAMP ’22 – OSTUNI

30 LUGLIO 2022 – IN RICORDO DI SANTIAGO MALDONADO – CASA OCCUPATA VIA GARIBALDI 210 -TARANTO – ORE 19.00

Video e dibattito – Santiago Maldonado, la lotta mapuche e Benetton nei territori dominati dagli Stati Argentina e Cile – similitudini con l’usurpazione e lo sfruttamento delle grandi multinazionali a Taranto

27 LUGLIO 2022 – SOMOS TODOS SANTIAGO MALDONADO – ANDRIA – DAVANTI AL NEGOZIO NENETTON, CORSO CAVOUR 158 – ORE 18.00

26 LUGLIO 2022 – BARI – PRESIDIO DAVANTI AL NEGOZIO BENETTON DI PALAZZO MINCUZZI – ORE 18

25 LUGLIO 2022 – PRESIDIO PER IL POPOLI MAPUCHE – MONOPOLI, PIAZZA VITTORIO EMANUELE – ORE 18.00 (davanti al negozio Benetton)

PRESIDIO SOLIDALE IN SUPPORTO ALLA LOTTA DEL POPOLO MAPUCHE

28/29 MAGGIO – CRO DI SOLAIO – Pietrasanta (LUCCA): DUE GIORNI DEDICATI A PLAZA DIGNIDAD E CILE IN RIVOLTA

🗓️
𝗣𝗥𝗢𝗚𝗥𝗔𝗠𝗠𝗔
𝟮𝟴 𝗠𝗔𝗚𝗚𝗜𝗢
⏰ 18.00-19.00
Presentazione “Movimenti sociali in Latinoamerica”di Giulia De Luca
⏰ 19.00-20.00
Presentazione “Pueblo Mapuche per la terra e contro il capitale” Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche
Concerto del gruppo “Canto Libre”
Mostra fotografica TROPPO TARDI, TROPPO PRESTO – Fotografie della rivolta in Cile, 2019 a cura di Sabine Greppo e Juan Hoppe
Mostra di Manifesti della rivolta in Cile dall’ottobre 2019, a cura di Serigrafía Instantánea
Mostra fotografica Amulepe taiñ weichan (La nostra lotta continua) di Felipe Durán e Fernando Lavoz
Mercatino della Rivolta
𝟮𝟵 𝗠𝗔𝗚𝗚𝗜𝗢
⏰ 18.00-19.00
Presentazione “Chile: istruzioni per una rivolta” di Clelia Bartoli
⏰ 19.00-21.00
Dj set
Mostra fotografica TROPPO TARDI, TROPPO PRESTO – Fotografie della rivolta in Cile, 2019 a cura di Sabine Greppo e Juan Hoppe
Mostra di Manifesti della rivolta in Cile dall’ottobre 2019, a cura di Serigrafía Instantánea
Mercatino della Rivolta
Siete tutt_ benvenut_ !
Ringraziamo
Casa del Popolo di Solaio
Francesco Del Greco
Clelia Bartoli
Giulia De Luca
Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche
Canto Libre
Sabine Greppo
Juan Hoppe
Serigrafia Instantánea
Zero+ studio
Taller El Litre
Lettera22
El Piño
Fundación Los Ojos de Chile
Piensa Prensa
Eᴠᴇɴᴛᴏ ᴅᴇᴅɪᴄᴀᴛᴏ ᴀ Mᴀʀɪᴏ Fᴀʀɪᴀs

————————-

4 GIUGNO 2022: LA RETE INTERNAZIONALE IN DIFESA DEL POPOLO MAPUCHE A BELLINZONA

CIRCOLO CARLO VANZA – via Convento, 4 – BELLINZONA

Programma della giornata:
Dalle 13.00: pranzo solidale di finanziamento con specialità tipiche cilene
Ore 14.00: laboratorio di striscioni disegnati collettivamente
Ore 15.30: video informativi
Ore 16.30: condivisione e aggiornamenti sulle lotte Mapuche e azioni solidali verso i/le prigionierx politicx mapuche
Ore 18.00: banchetto e aperitivo comune (ognunx porta qualcosa da condividere) con musica
SOSTIENI L’AUTOGESTIONE, INFORMATI, PARTECIPA, DIFFONDI.
Tutt@ invitat@!!!
Adesione al pranzo: scrivere a lilithdomo@inventati.com entro il 28/5/22

7 MAGGIO 2022: MILANO INCONTRA IL POPOLO MAPUCHE

QUANDO: Sabato 7 maggio
ORE: dalle ore 18:00
DOVE: Camera del Non Lavoro, via alessandro Volta 22

📢 XR Milano incontrerà la rete del popolo Mapuche.
Ci incontreremo per conoscerci e per ascoltare la storia di un popolo che difende la propria terra, il loro legame con la terra, il modo in cui l’attuale sistema economico incide sulle loro possibilità di sopravvivenza e ci confronteremo sulle pratiche di lotta.
L’incontro è aperto a tutte le persone che abbiano desiderio e interesse di vivere questo incontro.
🍽 A seguire, cena condivisa con piatti tipici Mapuche
La Rete Internazionale In Difesa Del Popolo Mapuche, Italia, è totalmente autogestita e indipendente: sostieni le nostre campagne, diffondi l’informazione e partecipa alle nostre attività.

SABATO 23 APRILE, ORE 18:00 – INIZIATIVA IN SOLIDARIETÀ AI PRIGIONIERI POLITICI DELLA RIVOLTA IN CILE – CATTEDRALE EX MACELLO, VIA CORNARO 1, PADOVA

Sono passati 3 anni dall’inizio della rivolta in Cile, tantissimi ragazzi e ragazze che hanno protestato per i diritti di tutt* adesso si trovano rinchiusi e sequestrati dallo stato Cileno in attesa del giudizio, che non arriva.
Questi ragazzi rischiano tantissimi anni e hanno anche molte spese legali da pagare: noi, Food Not Bombs, insieme alla rete internazionale in difesa del popolo Mapuche stiamo cercando di sostenere parte di queste spese e fare conoscere questa lotta!!!
Cena benefit per i prigionieri politici della rivolta!!!
LIBERTAD A TODXS LXS PRESXS POLITICXS

9 APRILE 2022: ORGANIZZAZIONE POPOLARE E PRIGIONE POLITICA IN CILE – CENA BENEFIT PER I COMPAGNI INCARCERATI

Interventi, video, discussione sulla prigionia politica in Cile e racconti sull’organizzazione territoriale e popolare nei territori dominati dallo stato cileno.
aggiornamenti sui casi sostenuti dalla Rete Internazionale in solidarietà del popolo mapuche
Cena benefit per sostenere le spese del carcere dei compagni incarcerati.

CAMPAGNA DI SOTTOSCRIZIONE PER I PRIGIONIERI E LE PRIGIONIERE

LA SOLIDARIETÀ NON VA IN QUARANTENA!!

Come Rete Internazionale in difesa del popolo Mapuche non vogliamo ne possiamo abbandonare la solidarietà internazionalista, anticapitalista e anticarceraria seppure la pandemia causata del covid 19 ci complica e ci limita a continuare attivx nel nostro sostegno al popolo Mapuche in Resistenza e al popolo cileno in rivolta, intanto dall’altra parte del mondo le nostre compagne e i compagni continuano a subire l’oppressione carceraria dallo Stato Cileno per lottare in difesa del territorio Mapuche e per esigere una vita fatta di dignità.

Facciamo un appello solidale a sostenere la nostra campagna per i /le prigionierx politicx in Cile versando sulla nostra postpay qualsiasi contributo volontario.

CONTATTACI PER I DATI POSTEPAY

Fb: https://www.facebook.com/riedpm

Email : difesamapuche@inventati.org

CHI DIMENTICA LA LOTTA, DIMENTICA I PRIGIONIERX!!

——————————————————————————————————–

29 GENNAIO 2022 – TARANTO, CASA OCCUPATA VIA GARIBALDI 210 – Incontro con la rete internazionale in difesa del popolo Mapuche

A partire dalle ore 18.00

Approfondimenti situazione in Cile a due anni dalla Rivolta.

Interventi, banchetto solidario, mostra fotografica.

A seguire cena a sostegno delle prigioniere e prigionieri politici alla Taverna Popolare “Cucina e Vini”


Giustizia per Santiago Maldonado – presidio
 
Bari – Palazzo Mincuzzi
Mercoledì 20 ottobre 2021
Ore 18:00


https://fb.me/e/2tQZfvkDc (evento facebook)


Come Rete Internazionale Per La Difesa Del Popolo Mapuche – Italia, chiamiamo alla solidarietà con la lotta anticapitalista del Popolo Mapuche ed all’azione diretta contro Benetton nelle giornate dal 18 al 22 ottobre 2021.
Proprio in queste giornate nel 2017 veniva ritrovato e successivamente riconosciuto il corpo di Santiago Maldonado, compagno anarchico, artigiano argentino solidale con il Popolo Mapuche ammazzato dalla gendarmeria argentina su ordine di Benetton. Invitiamo tutti i collettivi, movimenti e associazioni alla mobilitazione organizzando azioni e presidi dovunque sia presente un ufficio o un punto vendita della Benetton invitando al boicottaggio con ogni mezzo del marchio e della multinazionale.
 
BENETTON DIRETTAMENTE COINVOLTO NEL CASO DI SANTIAGO MALDONADO?
Dall’apparizione del corpo di Santiago Maldonado, una teoria ha cominciato a circolare sommessamente nell’ambiente dei circoli giornalistici. Una somma di indizi potrebbe complicare la situazione dello stesso Benetton, proprietario della Tenuta Leleque e di gran parte delle terre della zona. L’investigatore della Patagonia Federico Sorìa ha enumerato una serie di ragioni che risultano alquanto sospettose rispetto al ruolo che l’impresario e proprietario terriero italiano avrebbe potuto a svolgere. 1. L’apparizione del corpo di Santiago Maldonado è avvenuta LO STESSO GIORNO in cui era stata ordinata la perquisizione nella Tenuta Leleque (la perquisizione è stata cancellata in seguito all’apparizione del corpo). 2. L’usurpazione illegale di Benetton nella Colonia Cushamen è sostenuta dall’apparato dello Stato e nell’azione delle sue forze repressive [la Gendarmeria ha attuato quasi come forza di sicurezza privata di Benetton], coordinate con i suoi gruppi privati di sicurezza.. 3. Questo settore di territorio conosciuto come Colonia Cushamen, secondo il Catasto delle Superfici di Chubut (ricordiamo, un documento pubblico), che conferma il recupero territoriale effettuato dal Pu Lof, è completamente circondato da proprietà di Benetton, e lo stesso per le acque del Rio Chubut a valle e a monte, e accessibili da sentieri vincolati. 4. In particolare il luogo dove è stato trovato il corpo è situato a pochi metri dalla ex strada Provinciale 4, che anticamente univa il Maitèn con Cushamen e già da qualche anno è usurpata da Benetton. 5. Benetton possiede celle frigorifere in luoghi reconditi della Patagonia ove si potrebbero nascondere non uno ma migliaia di cadaveri, per tutto il tempo necessario. 6. Possiede tutto la logistica e il personale necessario per eseguire questo tipo di operazioni. 7. Possiede l’appoggio e l’avallo dello Stato e delle sue forze repressive autonome per realizzare e/o insabbiare questo tipo di azioni. 8. C’è una deliberata intenzione da parte del Governo e dei mezzi egemonici associati nel non menzionare Benetton e i suoi interessi nel luogo dove è scomparso Santiago Maldonado. Continua https://mapucheit.files.wordpress.com/2017/11/benetton_involucrado.pdf

SABATO 18 SETTEMBRE – CENA “BAILABLE IN QUARTIERE” – SPAZIO COMUNE CUORE IN GOLA – VIA GOLA, MILANO

NIENTE DA CELEBRARE QUESTO 18 SETTEMBRE, SOLO UN’ALTRA INIZIATIVA PER I/LE PRIGIONIERX POLITICI MAPUCHE E DELLA RIVOLTA. CENA BENEFIT, MATERIALE INFORMATIVO E BANCHETTO SOLIDALE, MUSICA E BUONA COMPAGNIA – SOLO IL POPOLO AIUTA IL POPOLO….PER CUI, TUTTX INVITATX!!


SABATO 11 SETTEMBRE 2021- BARI, PIAZZA GARIBALDI – ORE 19.00

Sabato 11 settembre saremo in piazza non solo per denunciare l’operato del governo cileno ma anche per mettere in luce le enormi responsabilità del governo italiano che in barba ad ogni trattato internazionale è il primo fornitore di armi del Cile.

Sempre italiane le aziende coinvolte più o meno direttamente nella distruzione e devastazione del paese da cui le politiche repressive nei confronti di coloro che si oppongono a tale distruzione in primis il Popolo Mapuche. Aziende come Enel, Eni, Iveco, Gruppo Angelini, andavano già a braccetto con Pinochet ed hanno continuato negli anni ad arricchirsi sulla pelle di milioni di persone e di un ecosistema che per caratteristiche e biodiversità è unico al mondo.
Amnistia immediata e incondizionata dei prigionieri politici Mapuche e cileni!
Stop vendita di armi al Cile!
Fuori le multinazionali italiane dal Cile!
Stop rapporti commerciali tra Italia e Cile!

21 AGOSTO 2021 CON MACARENA NEL CUORE – KASA OCCUPATA, TARANTO VECCHIA – DALLE ORE 19

14 AGOSTO 2021 VERITÀ E GIUSTIZIA PER TUTTE LE MORTI FIRMATE BENETTON – Treviso, piazza Duomo – ore 10.00

LORO SONO I RESPONSABILI!
Lettera aperta a tutte le persone per presa di coscienza e azione a tre anni dalla strage dovuta al crollo del ponte Morandi.
Siamo solidali con le famiglie di tutte le vittime dell’insicurezza delle autostrade, con tutte le lavoratrici ed i lavoratori sfruttati dalle imprese controllate dalla famiglia Benetton in tutto il mondo, con la lotta del popolo mapuche in Patagonia per la restituzione delle loro terre e la liberazione di tutti i prigionieri politici detenuti nelle carceri del Cile e Argentina, come Facundo Huala, e chiediamo giustizia per la morte di Santiago Maldonado.
Come lo scorso anno il prossimo 14 agosto torneremo a Treviso in Piazza Duomo davanti alla sede del gruppo finanziario edizione che controlla Atlantia e tutte le imprese collegate alla famiglia Benetton. Consapevoli del fatto che non sia una data facile vi invitiamo ad unirvi a noi diffondendo l’iniziativa e a partecipare facendo sentire anche la vostra voce tramite il microfono che rimarrà aperto a tutte le persone durante il presidio.
L’accordo della notte del 14-15/07/2020 tra governo e Atlantia per la revoca della concessione ASPI (autostrade per l’Italia) ha portato al concessionario (Benetton) un risarcimento di 9,1 miliardi a cui va sommato il recente bonus del governo Draghi di 5 miliardi, oltre agli 11 miliardi di debito finora accumulato da ASPI che lo stato si accollerà al suo posto tramite cassa depositi e prestiti.
I Benetton quindi se ne vanno con le tasche piene di denaro, mentre sulle loro responsabilità per la strage del ponte Morandi, e per tutte le vittime e danni da loro causati cala il silenzio.
La giustizia può aspettare: tra le 59 persone rinviate a giudizio per la responsabilità per il crollo del ponte non compare nessuno dei Benetton, lo stato paga per il ritiro della concessione e i relativi debiti accumulati da ASPI con i soldi nostri, compresi quelli dei familiari delle vittime (!!!) tutti questi soldi andranno nuovamente a finanziare le politiche economiche di questo impredatore, che controlla attraverso la finanziaria di famiglia importanti settori economici e finanziari in Italia e non solo.
Il nostro è un appello a tutta la popolazione della marca trevigiana affinché prenda coscienza e si esprima in merito a queste vicende, togliendo la maschera a chi, nascondendosi dietro l’immagine di benefattore e di mecenate continua a perpetrare violenze e a portare morte in tutto il mondo.
Tutti potevamo essere su quel ponte il 14 agosto. verità e giustizia per tutte le morti firmate Benetton. boicottiamo gli interessi di questi imprenditori.
Tutti a Treviso il 14 agosto dalle 10.30 alle 14.00 in piazza duomo
Food not bombs Padova
Rete internazionale in difesa del popolo mapuche
Comitato No Terza Corsia A13
BOICOTTALI!!!!

1 AGOSTO IN RICORDO DI SANTIAGO MANDONADO – OSTUNI CLIMATE CAMP 2021(PUGLIA) – interventi, mostra fotografica, banchetto solidale, riffa benefica con tanti premi ed esibizioni live .

VENERDI’ 25 GIUGNO 2021 – PALAZZO MINCUZZI – ORE 18.00

PRESIDIO SOLIDALE INTERNAZIONALISTA

PRESIDIO SOLIDALE INTERNAZIONALISTA INSERITO nell’ambito della mobilitazione #puglia e #basilicata contro il #g20 che si svolgerà a #brindisi#bari#matera il 28/29/30 #giugno

LIBERTÀ PER IL LONKO FACUNDO HUALA E PER TUTTX I PRIGIONIERI POLITICI MAPUCHE!! FUERA BENETTON DAL TERRITORIO MAPUCHE!!
L’ oppressione carceraria si manifesta duramente contro i compagni e le compagne Mapuche che lottano contro l’intromissione capitalista che devasta la terra e i territori in nome del falso progresso. Unici obbiettivi sono i profitti e gli interessi economici destinati ad arricchire multinazionali e latifondisti.
La prigione politica Mapuche in Cile è oggi ancora una realtà.
Per quanto lo stato la neghi, continuano ad esistere casi di Mapuche incarcerati a seguito della persecuzione politica che ha fortemente colpito le comunità Mapuche.
La risposta politica dello stato -mediante la repressione poliziesca- ad una questione nazionale di attitudine tanto storica quanto politica, non ha fatto altro che aumentare la forza di una fiamma che non si è mai spenta, dato che il newen mapuche (forza mapuche) e la dignità non sono stati mai visti languire nella lunga storia del popolo Mapuche.
Attualmente sono già migliaia gli ettari recuperati. Molti sono i grani, le patate e gli altri prodotti che sono germogliati nel territorio liberato, e molte le famiglie che oggi hanno dove vivere e lavorare la terra. Allo stesso tempo, aumenta giorno dopo giorno quel territorio in cui i mapuche possono praticare la loro spiritualità e cosmovisione.
La conoscenza ancestrale che la ñuke mapu (madre terra) ci ha regalato sono una speranza, dato che anche con quella conoscenza il popolo Mapuche potrà difendersi dalle costanti aggressioni dello stato cileno e del sistema capitalista, che quotidianamente vediamo nei megaprogetti idroelettrici, minerari, nell’estrattivismo, nelle monocolture forestali e in un lungo eccetera eccetera…
Tra i prigionieri politici, il LONKO FACUNDO JONES HUALA estradato dall’Argentina in Cile e rinchiuso attualmente nel carcere di Temuco, condannato a 9 anni di carcere, perseguitato e criminalizzato per la sua opposizione all’occupazione capitalista e all’usurpazione della multinazionale italiana BENETTON delle terre ancestrali della sua comunità di Cushamen.
Per questo motivo, abbiamo l’obbligo politico ed umano di chiamare alla solidarietà internazionalista e alla coscienza anticapitalista per scendere in piazza questo 25 GIUGNO a 4 anni di prigionia politica del compagno mapuche FACUNDO HUALA, in una giornata internazionale per la LIBERTÀ di TUTTX i prigionieri politici mapuche.
Vi INVITIAMO a manifestare il vostro desiderio e l’ esigenza di LIBERTÀ PER TUTTX I PRIGIONIERI POLITICI MAPUCHE, come solidalx e come attivistx , come individui e come collettivi, durante la giornata del 25 GIUGNO o durante un altro momento nei giorni compresi dal 25 GIUGNO al 27 Giugno, a secondo delle proprie disponibilità e organizzazione, davanti all’Ambasciata o Consolato cileno delle vostre città o davanti ai negozi della multinazionale italiana BENETTON , responsabile della prigionia politica del compagno mapuche FACUNDO HUALA .
Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e facciamo sentire ai prigionieri politici mapuche che non sono soli, che rivendichiamo e che riconosciamo la loro lotta con orgoglio e con ribellione, ripudiando tutte le azioni repressive e oppressive dello Stato Cileno che tentano di zittire le voci di LIBERTÀ, imponendo le sbarre della galera di un sistema punitivo e arbitrario avallato dallo Stato, le sue istituzioni e la infame legge antiterrorista della dittatura di Pinochet.
Fin quando esisterà la miseria, ci sarà ribellione.
Fino a distruggere l’ultima galera della società carceraria!!!

LIBERTÀ PER FACUNDO HUALA E PER TUTTX I PRIGIONIERX POLITICI MAPUCHE !LA SOLIDARIETÁ È UN’ARMA, LA LOTTA È LIBERAZIONE

———————————————————————————————-

MARTEDI’ 1 GIUGNO 2021, EX CASERMA ROSSANI OCCUPATA – ORE 18.00 – BARI

La Resistenza Ancestrale Del Popolo Mapuche

MOSTRA FOTOGRAFICA, MUSICA, INFO E DIBATTITI

Sabato 18 Gennaio 2020, Iniziativa solidale per i prigionierx della rivolta cilena

Viale Monza, 255, 20126 Milano MI, Italia

A 3 mesi della rivolta sociale in Cile, denunciamo l’attuazione criminale del governo cileno condotto di Sebastian Piñera contro i manifestantx che si sono versati nelle strade e nelle piazze delle diverse città del territorio e che sono state vittime della brutale repressione poliziesca, della criminalizzazione della legittima protesta e della incarcerazione politica.
L’ oppressione carceraria imposta da questo governo repressivo nel contesto di tutte queste giornate di degna lotta è stato evidentemente massacrante ,ci sono circa 2500 prigionierx politici della rivolta popolare nelle diverse carceri cilene.
A loro, alla gente del popolo, ai compagnx privati della propia libertà per rivendicare i diritti per una vita degna contro un modelo neoliberista e contro un sistema capitalista è che vogliamo dedicare questa iniziativa informativa e benefit.
Il ricavato sarà destinato alla ” Coordinadora por la libertad de lxs presxs políticos 18 Octubre ” per contribuire al acquisto di materiale, prodotti alimentari e di igiene personale per i prigionierx politici, per le spese legali ed altro.
Chi dimentica i prigionierx, finisce per dimenticare la propia lotta e noi non ci possiamo dimenticare di tuttx loro.
LIBERTÀ PER I PRIGIONIERX POLITICI DELLA RIVOLTA IN CILE !

LIBERTÀ PER KEVIN E MAURICIO!
I MINORENNI PRIGIONIERI DI PIÑERA !
https://mapucheit.wordpress.com/2020/01/05/sono-prigionieri-politici-per-non-pensarla-come-pinera-il-dramma-che-vivono-le-famigie-di-kevin-uribe-e-mauricio-soto/#more-3454

ORE 18:00 APERITIVO POPOLARE CILENO.
AGGIORNAMENTI

ORE 20: 00 CENA CILENA BENEFIT

ORE 22:00 MUSICA DAL VIVO . Canzoni della protesta cilena , come Victor Jara , Violeta Parra , Inti Illimani,
altre ..nell’interpretazione di musicisti cilenx solidalx.

WhatsApp Image 2020-01-14 at 08.23.35


Sabato 14 Dicembre 2019, Voci dal Cile in rivolta – Donne combattenti capitolo 1

Associazione Sherwood Oneta, Via Guglielmo Marconi 9, 24020 Oneta Bergamo Italia

Dal 14 ottobre, il popolo cileno si è finalmente ribellato contro decenni di disuguaglianze, privatizzazioni, violenze statali.
Ad animare le rivolte, una forte componente femminile ed indigena.

Sabato 14 dicembre alle ore 18:00 presso la sala Teatro di Oneta (accanto al Municipio) incontreremo la Rete in difesa del popolo Mapuche che ci aggiornerà sulle proteste in corso, la centralità assunta dalle donne cilene e la resistenza dei Mapuche, indigeni sudamericani oggetto di una politica segregazionista e repressiva da parte dei governi di Cile ed Argentina.

Questa serata inaugura il ciclo di iniziative “Donne Combattenti – Storie di streghe, eretiche, ribelli, donne coraggiose dei giorni nostri”.

Ingresso gratuito.
Durante la serata verrà offerto un aperitivo.

FB_IMG_1575951443609


Sabato 7 Dicembre 2019, Sin baile no hay revolucion – Danze, immagini e suoni resistenti

Csoa Il Molino, Viale Cassarate 8, 6900 Lugano

Serata in solidarietà alla Resistenza Mapuche ed alle rivolte popolari in Cile

19.30 – Cena popolare benefit con intervento musicale di Fidel Arenas

20.30 – Dibattito “Resistenza Mapuche e rivolte popolari in Cile”
È previsto anche un collegamento skype con Santiago del Cile

23.00 – Sin baile no hay revolución – Viaggio tra immagini, suoni e musica resistente con:

– DJ Marta di Radio Onda Rossa (Dj set Hip Hop latino e transfemminista, Cumbia antica e moderna, Electro Cumbia)

– Onda Autoproduzioni dalla Urizi Jungle (Live set e Dj set Hip Hop, Elektro, Breakbeat)

links:
www.ondarossa.info/trx/esquina-del-soul
www.soundcloud.com/onda-autoproduzioni
www.inventati.org/molino

FB_IMG_1575260635782


Venerdì 20 Settembre 2019, Cena Brigante e concerto con Marmotas en el Bar

Cattedrale ex Macello Padova, Via Cornaro 1, 35128 Padova

Cucina Brigante e Rete Internazionale in difesa del Popolo Mapuche a sostegno delle comunità mapuche in Resistenza e per la LIBERTÀ di TUTTX I prigionieri politici mapuche.

PROGRAMMA DELLA SERATA

ore 19.30 – Cena Brigante e bar a offerta libera
ore 20.30 – Intervento della Rete Internazionale in difesa del popolo Mapuche.
ore 21.00 – 23.00 Educazione Libertaria a cura de I semi del Tarassaco
ore 23.00 – Concertone dei Marmotas En El Bar

download (11)


Sabato 8 Giugno, Una canzone per i mapuche – 2° Round

Caserma Rossani Occupata, Via Giulio Petroni 8c, 70123 Bari

Il collettivo dell’Ex Caserma Liberata in collaborazione con Brigate Poeti Rivoluzionari, La Rete Internazionale Per La Difesa Del Popolo Mapuche ed Hip Hopera Foundation è lieto di presentare:

“Una Canzone Per I Mapuche round 2° – Music Poetry Arts Festival

Il femminismo comunitario individua nel patriarcato le radici storiche e strutturali delle oppressioni e di ogni forma di discriminazione. Non rivendica uguaglianza di genere nè lotta per dei diritti, si tratta di una prospettiva di cambiamento radicale rispetto al sistema neoliberista e coloniale.
“Nella rete della vita plurale e con le sue diversità, camminiamo, tessiamo le nostre reti femministe, con amore profondo per la vita, indignate per le ingiustizie, portiamo avanti le nostre ribellioni territoriali e uniamo i nostri sforzi per guarire insieme e ricreare orizzonti nella pienezza della nostra stessa esistenza”

Ore 19:00
Donne della terra – Femminismo Comunitario contro devastazione territoriale e capitalismo estrattivista
Intervengono:
Lolita Chavez, parte del consiglio K’iche’, femminista comunitaria, Maya K’iche’ , difensora della vita e dei territori .
Bersaglio della persecuzione politica del governo di Guatemala e della violenza capitalista delle multinazionali per opporsi all’installazione dei progetti idroelettrici.

Geraldine (rete internazionale per la difesa del popolo mapuche) che esporrà il caso della compagna mapuche Macarena Valdés, assassinata nel Agosto del 2016, dai sicari della multinazionale austriaca RP Global . per opporsi alla devastazione nel territorio Mapuche di Tranguil ,impedendo attraverso la sua lotta coraggiosa e instancabile la costruzione di una centrale idroelettrica.
Nel corso della serata ci collegheremo via skype con Ruben Collìo, compagno di vita di Macarena e attivista della comunità Mapuche di Tranguil

Live Paintig:
Omaggio a Santiago Maldonado a cura di Liuto (street artist)

Mostra fotografica:
Amulepe Tain Weichan – un’immersione nei colori e nei profumi della lotta anticapitalista del popolo Mapuche

A seguire cena benefit + riffa a sostegno dei prigionieri politici Mapuche

Live Music
Presentazione dell’CD “Una Canzone Per Santiago” a cura della BpR Ensemble – progetto musicale autoprodotto internazionalista di poesia e cantautorato a sostegno della lotta anticapitalista del popolo Mapuche realizzato da musicisti pugliesi

Concerto Rap Femminista con JAAS NEWEN – cantante ed attivista Mapuche.

https://youtu.be/EW8gOgF9knU

Selezione musicale a cura di Giuan – From Hip Hopera Fondation

Intrecciare Vite. La Lotta Delle Donne Indigene In Guatemala
Sono Lolita Chavez, parte del consiglio K’iche’ , femminista comunitaria, Maya K’iche’ , difensora della vita e dei territori. Vengo dal popolo K’iche’, un popolo coraggioso, ribelle, dove fin da piccole, apprendiamo ad accendere il fuoco, accendere il fuoco , è un’espressione di vita, gratitudine, celebrazione, è sentire la nostra luce e che siamo luce, le nostre antiche cosmovisioni ancestrali si intrecciano ridando significato alla nostra vita… Impariamo ad essere e vivere in comunità, ma anche riguardo alla connessione energetica, cosmica, intergenerazionale.
Come difensora affermo che il popolo Maya K’iche’ ha diritto alla vita, ha diritto all’acqua, come tutte le altre società, e questo è quello che difendiamo, per questo ci criminalizzano, per questo ci perseguitano, per questo hanno assassinato così tanti difensori del territorio.
Abbiamo la grande sfida come umanità di interrompere la deforestazione e la perdita della biodiversità. Tra il 2006 e il 2016, abbiamo perso in media 38.600 ettari annui di foresta dentro e fuori le aree protette. Gli ecosistemi forniscono habitat per la biodiversità, regolano il sistema idrologico e i microclimi, sono pozzi di assorbimento del carbonio e forniscono stabilità al territorio. Stiamo gridando ai quattro venti che le compagnie di disboscamento stanno distruggendo alberi ancestrali! I dati statistici mostrano che la società guatemalteca utilizza meno del 20% dell’acqua disponibile nel nostro paese; abbiamo l’acqua, ma la sua disponibilità varia nel tempo e nello spazio, l’acqua è gestita in esclusiva da chi ha i privilegi.
E’ prudente e urgente muovere la seguente critica: i mondi hanno una percezione limitata di ciò che siamo noi popoli originari, una percezione costruita sulla base di modelli come quello capitalista , il modello patriarcale, il modello colonizzatore.
Stiamo convivendo in territori ancestrali, riconosciamo che viviamo in Abya Yala, che intreccia storia e memoria ancestrale dei popoli, comunità e modelli di vita vincolati profondamente con la Madre Terra, con le nostre proprie vite stiamo fermando le imprese multinazionali minerarie, idroelettriche, di monocoltura, etc. che arrivano senza previa consultazione, saccheggiando e usando apparati repressivi degli Stati che portano genocidio , razzismo e misoginia.
Vogliamo aprire qui un dibattito, con certezza, con la nostra partecipazione, come donne che difendono, per trovare cammini che spingano verso la costruzione di un altro tipo di giustizia, dove i nostri corpi, le nostre vite, le nostre parole, i nostri desideri , i nostri popoli possano essere protagonisti e trovare mondi per difenderci, guarirci e rivendicare il nostro diritto a ribellarci a tutte le oppressioni e creare nuovi modi di vivere, sentire, a partire dalle nostre cosmovisioni, progetti e forme di vedere la vita.
La domanda è in relazione a quali potrebbero essere i modi per intrecciare le nostre vite, intrecciare le nostre agende, intrecciare i nostri femminismi, intrecciare l’essere internazionali, le nostre autonomie e libere determinazioni, annullando privilegi, per vivere con giustizia, trasformare vite e generare vite libere e degne, senza rassegnarsi a morire o a che muoiano altri perché sono di altri continenti o perché di un altro popolo o di un altro strato sociale …
E se ci accorgiamo che i cammini sono già li, dobbiamo solo riprenderli, forse non sono visibili a causa delle gerarchie generazionali, gerarchie create nelle epoche, gerarchie di visioni, gerarchie di memorie, gerarchie accademiche, gerarchie di gerarchie.
E se si scopre che i cammini sono quelli della saggezza delle generazioni del tempo senza tempo, e sono all’orizzonte delle nostre sagge vite ma non li vediamo perché camminiamo in questo tempo e in questo spazio e in questo movimento.
Questo è il motivo per cui onoriamo le nostre antenate e per cui onoriamo le sorelle che ci insegnano : “día con día crece la rebeldía” (Giorno per giorno cresce la ribellione) EZLN.
Una delle nostre riflessioni tra donne indigene è che non stiamo combattendo per il diritto alla terra, stiamo chiedendo che ci restituiscano le terre che ci sono state rubate con i piani di sterminio, restituire per guarire le terre, restituire per giustizia, restituire come espressione di risarcimento dell’umanità ai popoli originari.
Autrice Aura Lolita Chavez Attivista dei diritti delle donne indigene guatemalteche
Tratto dalla I giornate femministe a Zaragoza

JAAS NEWEN:
Cantautora de Rap Mapuche en mapuzungún y castellano, con el objetivo de reivindicar, recuperar, defender y preservar la cultura de nuestros pueblos originarios. Sus comienzos fueron en Las Escuelas de Hip-Hop posteriormente en La Calle Records, realizando dos producciones musicales, 2006 Y 2015, en el año 2017 ingresa al sello comunitario independiente, Coñimo Studio del Centro Cultural San Joaquín, realizando una nueva producción musical llamada (“Piwke” 2018).
En el año 2006 fue invitada al Smithsonian Institution, Museo Nacional de los Indios Americanos en Nueva York, el 2017 fue invitada a la Universidad Vanderbilt, Nashville (Tennessee). Presentaciones en vivo en distintos festivales nacionales como Newen Hip-Hop, La Matria, Mil Rimas Para Violeta, Cultura Urbana, entre otros.

FB_IMG_1559520110142


Venerdì 7 Giugno, Femminismo comunitario

Ateneo Libertario, Viale Monza 255, 20126 Milano

La violenza capitalista e dello Stato contro le donne in lotta per la terra.

Venerdì, 7 giugno dalle ore 19:30
Ateneo Libertario
Viale Monza 255, (MM 1 Precotto )

Ore 19.30:
APERICENA benefit per i prigionieri politici mapuche.

https://mapucheit.wordpress.com/2018/11/20/sono-20-i-comuneri-mapuche-che-in-diverse-carceri-del-cile-sono-sequestrati-dallo-stato/

Ore 21.00:
INCONTRO sul femminismo comunitario con LOLITA CHÁVEZ, donna indigena guatemalteca del popolo Maya K’iche’, difensora della Madre natura, terra e territorio.
LOLITA , in lotta anticapitalista contro i progetti idroelettrici delle multinazionali in quei territori è stata minacciata molte volte e ha rischiato la propria vita in diversi tentativi falliti per ucciderla.

http://www.yabastaedibese.it/2018/11/intrecciare-vite-la-lotta-delle-donne-indigene-in-guatemala/

VIDEO “Küla Dengün ” (10 min), Tre storie di donne mapuche bersaglio della violenza capitalista e dello Stato.

Ricorderemo la lotta della compagna mapuche Macarena Valdes, che è stata assassinata nell’agosto 2016 per opporsi all’installazione della centrale idroelettrica nel territorio mapuche della sua comunità di Tranguil.

Intervento di JAAS NEWEN con il suo racconto di donna mapuche nella società cilena razzista e discriminatoria.

” SENZA IL PUGNO DI UNA DONNA ,
NON C’È TERRA NÉ LIBERTÀ
MACARENA VALDES VIVE !!! “

FEMMINISMO COMUNITARIO (1)


Martedi 4 Giugno, Tornerò e sarò milioni, l’eredità di Berta Caceres

Casetta del Popolo, Via Cardinale Callegari 5, 35133 Padova

Vi avevamo annunciato una sorpresa… Eccola!

Dire che siamo felici è davvero dire poco: martedì 4 giugno ospiteremo alla Berta – Casetta del Popolo le figlie di Berta Caceres (Bertha e Laura Zuniga Caceres), insieme a Lolita Chavez, che saranno nel nostro Paese per un tour di solidarietà: Giustizia per Berta: Copinh dal 3 al 9 giugno in Italia!

Berta Caceres è stata assassinata tre anni fa per il suo impegno per i diritti delle popolazioni indigene e la tutela dei territori.
Femminismo, antirazzismo, anticapitalismo, diritti LGBT, la dimostrazione che si può costruire organizzazione e comunità anche là dove sembra impossibile.
La determinazione collettiva di resistere allo sfruttamento della terra e delle persone e contemporaneamente costruire anticipazioni di un mondo migliore.
Tutto questo è racchiuso in Berta, tutto questo ci ha colpito quando abbiamo conosciuto la sua storia, la storia del COPINH e della resistenza indigena e popolare in Honduras. Ed è per questo che abbiamo voluto intitolare a lei questa Casa del Popolo.
Le lotte che Berta ha vissuto e alimentato sono lotte universali, è universale la lotta contro il colonialismo vecchio e nuovo, è universale la lotta contro la privatizzazione delle risorse naturali, contro la violenza maschile sulle donne.

Tornerò e sarò milioni, per davvero. Nel cuore dell’Arcella e ovunque.
“Tu hai il proiettile… io ho la parola.
Il proiettile muore quando esplode, la parola vive quando viene diffusa.”

La giornata si inserisce all’interno di un tour italiano, qui trovate tutte le info: Giustizia per Berta: Copinh dal 3 al 9 giugno in Italia
E si svolgerà così:

Ore 18.00 Incontro con Bertha Zuniga Caceres e Lolita Chavez – “Il corpo è il nostro primo spazio di lotta”
Ore 20.00 Apericena”
Ore 20.30 Concerto Hip-Hop con la femminista Mapuche Jass Newen!!

Vi aspettiamo numeros*!

Bertha Zúniga nel corso degli ultimi anni è stata coordinatrice del COPINH, nominata dall’assemblea dell’organizzazione, succedendo alla madre. Lei e la sorella Laura porteranno la propria testimonianza delle lotte delle comunità lenca del COPINH, che nonostante l’omicidio di Berta Caceres non sono cessate: parleranno di criminalizzazione e repressione, quella portata avanti dal governo illegittimo che regge l’Honduras, e racconteranno della loro lotta per ottenere giustizia per Berta, e dei tentativi di infangare la memoria della madre.

GIUSTIZIA PER BERTA!

FB_IMG_1559516644376


Sabato 25 Maggio, Mapuche un popolo senza stato, la gente della terra

Centro sociale Cantiere, Via Monte Rosa 84 Milano

I mapuche non sono né cileni né argentini.
I mapuche sono un popolo indígena, sono la gente della terra e questa è la rivendicazione principale di questa Resistenza ancestrale e storica.
La terra non appartiene al uomo ma noi siamo parte della terra, per cui i mapuche hanno un profondo legame di rispetto con la natura e con il territorio, in modo sacro e vitale per la loro spiritualità.
I mapuche sono un popolo anticapitalista per natura, per loro non esiste il concetto della proprietà privada per ciò la terra non si vende, non si compra , non si negozia.
Territorio, Autonomia e Libertà !

Alle ore 19, Incontro politico :

Video: “La Resistenza non è terrorismo “
12 min.

La devastazione e la violenza capitalista delle multinazionali come BENETTON in territorio mapuche.
L’acqua , i boschi, la terra : da risorse naturali a interessi economici.
Prigionia politica e la repressione dello Stato argentino e cileno.

Ore 20: Cena latinoamericana solidale.

Festa Latina:

Ore 22: 30 : Rap mapuche con Jaas Newen in concerto, dal Wallmapu, territorio Mapuche.

https://youtu.be/EW8gOgF9knU

Gruppo Cumbia “Los cumbiamberos”, Live music da Bologna

Ore 01: 00 :
DJ Set Cholo
DJ Set Halo

NO fascismo, NO sessismo, NO razzismo,
NO capitalismo !!!

boz2_1


Venerdì 24 Maggio, Non difendiamo la terra siamo la terra che si difende. Femminismo comunitario.

Parco delle Cave – Soy Mendel Via Cancano Baggio

Il femminismo comunitario individua nel patriarcato le radici storiche e strutturali delle oppressioni e di ogni forma di discriminazione. Non rivendica uguaglianza di genere nè lotta per dei diritti, si tratta di una prospettiva di cambiamento radicale rispetto al sistema neoliberista e coloniale.
Ne discutiamo insieme in una prospettiva di lotta qui ed ora.

A venerdì 24!

Donne in cammino


Domenica 17 Settembre, Chiacchierata con la Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche

Circolo Libertario Autogestito La Scintilla, STRADA ATTIRAGLIO 66 Modena

Leggendo tutto scopri il programma:

Chi sono:

“Siamo una rete antiautoritaria e solidale al popolo Mapuche attraverso orizzontalità, autogestione e internazionalismo. Il nostro sostegno è diretto alla resistenza mapuche e all’informazione degli avvenimenti e dei prigionieri politici, denunciando l’intromissione capitalista delle multinazionali e la violenta repressione dello stato cileno ed argentino”

Dalle 18:30 buffet vegan benefit per la rete.
Chiacchierata e proiezione del video:

“Pu Lof Cushamen en resistencia desde adentro (10′)”

mapucheit.wordpress.com

A fine di tutto: jam session musicale con chi vorrà suonare per stare in compagnia..

Vi aspettiamo.

Solite indicazioni: sui motori di ricerca ricordatevi di scrivere STRADA ATTIRAGLIO 66, non via.

21433197_10210609375650297_4561818012893613613_n


Sabato 24 Giugno 2017, Resistenza Mapuche

Casale Alba 2, Via Fermo Corni (Parco d’Aguzzano) Roma

Come si può far finta di niente quando i diritti politici di un popolo vengono aggrediti e calpestati, e quando questo popolo continua a subire negli anni l’ingiustizia e la violenza dallo Stato Cileno che non riconosce al popolo Mapuche la sua sovranità territoriale, annullando la sua identità politica, sociale e culturale; castigandolo con la repressione violenta e crudele da parte di forze di polizia di un modello istituzionale fascista e dittatoriale ed applicando la vergognosa legge antiterrorista ad un popolo che manifesta e reclama legittimamente per i diritti in difesa del territorio che storicamente e ancestralmente vi appartiene da sempre.

Ore 17 Presentazione e approfondimento sulle lotte del popolo mapuche contro lo stato cileno. La repressione e le ingiustizie contro le comunità. Il nemico chiamato Benetton. Il Feminicidio di Macarena Valdes. E il parto inbcatenato di Lorenza Cayuhan.

Ore 19:30 Proiezione di “Il grido di Tranguil”

Ore 20 Cena Popolare di autofinanziamento

Ore 22 Dj Set Cumbia con Dj Falso (Colombia) e Frente Tropical Romano (Roma) e La Terrorista del Sabor (Colombia)

Mostra fotografica “Tain Weichan” – “La nostra lotta” di Fernando La Voz e Felipe Duran.

mapucheWEB


Venerdì 23 Giugno 2017, Lottare per sopravvivere

Libreria Anomalia, Via dei Campani 71/73 Roma

Presentazione e approfondimento sul popolo Mapuche da parte della Rete Internazionale in Difesa del popolo Mapuche.
Introduzione alle lotte dei Mapuche contro le imprese idroelettriche e la multinazionale Benetton.
Attraverseremo particolarmente la situazione che portano avanti Benetton e lo stato argentino in territorio Mapuche.
Racconteremo la situazione dei tanti prigionieri politici Mapuche da parte dello stato Cileno.
Proiezione del video racconto “Pu Lof in resistenza”
Mostra fotografica “Tain Weichan” – “La nostra lotta”. di Fernando La Voz e Felipe Duran.

IMG-20170618-WA0021


Mercoledi 21 Giugno 2017, Incontro sulla lotta del popolo Mapuche
T28 MM PASTEUR, Milano

Incontro sulla lotta del popolo Mapuche, la violenza capitalista delle multinazionali, la repressione dello stato cileno e i prigionieri politici mapuche.

18922550_10213849412578142_1525572904925690855_o


Sabato 17 Giugno 2017, Benetton vs Mapuche

“Tutti in piedi”, Via Canova 1 – Mestre

Aggiornamenti sulla resistenza del popolo Mapuche, in modo particolare in Argentina, contro le violenze continue e le usurpazioni territoriali causate da Benetton. Interverrà la Rete in Difesa del Popolo Mapuche.
Proiezione video “Pu Lof in Resistencia de Cushamen desde adentro”.
Testimonianze audio che raccontano gli ultimi avvenimenti della lotta. Banchetto informativo.
Mostra fotografica “Tain Weichan”(La nostra lotta).
Seguirà cena solidale in appoggio alle comunità in resistenza.

19055282_351418851943038_3583839958085104181_o


Domenica 28 maggio 2017, Mapuche oltre 500 anni di resistenza!

Chourmo, Piazzetta Toselli – Padova

Interessi delle multinazionali resistenza popolare e indigena in America Latina

Dalle ore 16 Incontri informativi

18516382_773352942834509_1257535600_n


Sabato 20 Maggio 2017, Resiste Mapuche!

Spazio Libertario Stella Nera, Via Folloni 67 – Modena

SERATA IN SOSTEGNO DEL POPOLO MAPUCHE!

Il ricavato andrà a sostenere le spese legali per i prigionieri politici Mapuche, popolo nativo sudamericano in lotta per la difesa delle proprie terre dalle mani insanguinate delle multinazionali europee (tra le altre, Enel e Benetton) e ai quali viene applicata la legge antiterrorista emanata dal dittatore Pinochet.

Dalle 18.00: Dibattito più presentazione della Rete Internazionale In Difesa del Popolo Mapuche con aggiornamenti sui prigionieri politici e proiezione video/documentario sulla resistenza nei territori.

Dalle 20.00: Cena vegan sudamericana

Dalle 22.00: Concerto hardcore con:

-CONTRASTO (vecchia romagna etichetta nera punk hc)
-ZONA D’OMBRA (hc più veloce da como)
-RAUCHERS (imbarazzo e violenza da Gardaland!)
-HYLE (sludgy hardcore da Bologna)

18386950_401771510210049_127270872_n


Sabato 13 Maggio 2017, Mapuche la resistenza anticapitalista

Csoa Il Molino, Viale Cassarate 8 – Lugano CH

Iniziativa benefit per la comunità Mapuche Ñanco in recupero territoriale

19:00 Banchetto informativo e cena vegan in sostegno al Popolo Mapuche

Mostra fotografica “TAIN WEICHAN” = La nostra lotta

20:00 Proiezione documentario: Comunità in Resistenza Narciso Ñanco (15 min)

Collegamento dal territorio Mapuche con una compagna della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche.

Il dibattito tratterà sulla devastazione delle multinazionali in territorio Mapuche, la legge antiterrorista di Pinochet, i prigionieri politici Mapuche.

Dalle 21:00 Concerto Reggae con i ZonaSun

13-05-2017-mapuche-la-resistenza-anticapitalista-2


Martedi 25 Aprile 2017 Ore 17
Festival AntifascistaPartigiano in ogni quartiere
Parco Sempione, Milano
Saremo con il nostro banchetto informativo sulla lotta del popolo mapuche e potrete contribuire all’autofinanziamento per la Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche, per supportare le comunità mapuche in resistenza e i prigionieri politici mapuche.
Allestiremo una mostra fotografica chiamata “Tain Weichan” la nostra lotta, frutto di un lavoro dei compagni fotografi Independenti Felipe Duran e Fernando La Voz.

Ci vediamo in piazza!!


WAIKIL – Gira Witral Europa 2017 (Hip Hop Mapuche), Italia – Milano

Venerdì 21 Aprile, Approfondimenti sul “Popolo Mapuche, Cultura e Resistenza Anticapitalista”, Documentario e Cena.
Centro Sociale Cantiere – Via Monte Rosa 84 Milano

Sabato 22 Aprile, Concerto “Hip Hop Live Mapuche”.
Centro Sociale Cantiere – Via Monte Rosa 84 Milano

Jaime Cuyanao (Waikil), discendente di padre e madre mapuche, (Santiago Cuyanao Marilef e Ida Venegas Huiaquil) di origine territoriale mapuche (Tüwun) Vilcun e Traiguen. Rapper Mapuche sotto il nome (Waikil), membro e fondatore del gruppo di musica Mapuche fusione (Wechekeche ñi Trawün).

17522875_386523668401500_5607723281287498033_n

17629952_1732010620150004_8900127633549974651_n

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: