Comunicato della Coordinadora Arauco Malleco (CAM)

Alle comunità e ai Lof in resistenza, ai processi di controllo del territorio, all’opinione pubblica nazionale e internazionale:

Viviamo in tempi segnati dall’approfondimento della strategia contro-insurrezionale che lo Stato cileno ha messo in atto contro la causa mapuche e ancora una volta, la politica del “bastone e della carota” è la principale manifestazione. In questo momento, quando l’avanzata della lotta autonomista territoriale fa tremare gli interessi delle grandi imprese, lo Stato cileno ha ripreso la dottrina della sicurezza nazionale, definendo chiaramente il popolo mapuche come nemico interno e per questo motivo ha messo in atto un nuovo attacco politico-repressivo contro le espressioni autonomiste più coerenti.

Queste operazioni politiche e poliziesche fanno parte di una forte campagna istituzionale di natura razzista che cerca di collegare la causa mapuche con il traffico di droga e la criminalità organizzata. Oltre alla stigmatizzazione sociale dei media, si può notare l’emergere delle voci della classe imprenditoriale, dei latifondisti e delle autorità governative, i quali sostengono che la lotta mapuche è illegittima, terroristica e criminale. Una strategia che combina diverse forme di operazione; da un lato quella politico-repressiva e dall’altro quella politico-interventista/integrazionista. Tuttavia, hanno tutti come caratteristica comune il tentativo di delegittimare le nostre pratiche e di mettere all’angolo le espressioni del weichan mapuche.

In questo scenario dichiariamo quanto segue:

* Di fronte all’ultimo attacco repressivo eseguito dalla polizia cilena contro le comunità mapuche, che ha avuto conseguenze terribili per numerose famiglie del nostro popolo e delle forze di polizia, riteniamo lo Stato cileno responsabile di questo nuovo atto repressivo, poiché questa procedura è stata elaborata da agenti dello Stato che, utilizzando gli strumenti del mondo istituzionale e poliziesco, hanno eseguito un’operazione di intelligence attraverso il tentativo di collegare il movimento mapuche al traffico di droga. Un’operazione che, alla fine, mira a proteggere ancora una volta gli interessi dei gruppi di potere che operano indiscriminatamente sul nostro territorio. Questo spiega l’enorme e senza scrupoli operazione della polizia cilena che non esita ad agire, dimostrando odio e razzismo quando si tratta di affrontare il nostro popolo, abusando come sempre delle donne, degli anziani e dei bambini. Vediamo la polizia cilena agire come carne da macello in difesa degli interessi di uno Stato capitalista; un motivo che spiega un’azione che va oltre il proprio ambito istituzionale, essendo sottoposta alle vere e proprie linee guida che vengono gestite dal potere centrale, cioè dall’élite politico-economica che custodisce gli interessi del grande capitale con il sangue e il fuoco.

*Ci troviamo di fronte a una nuova operazione di intelligence politica che mira ad aprire uno scenario diverso nel Wallmapu, caratterizzato dall’imposizione artificiale della realtà del traffico di droga. Così, da un lato, cerca di mostrare parte del movimento mapuche come espressione di corruzione e di deviazione dai nostri stessi principi di lotta, valori ereditati dal nostro futakeche kuifi yem, e, dall’altro, cerca di ingigantire una campagna mediatica per giustificare l’efficacia dello Stato rispetto allo smantellamento delle reti criminali. Certamente questa è un’operazione di intelligence che nasce dalla pressione delle imprese impegnate nelle zone di conflitto e che cerca a tutti i costi di criminalizzare la nostra giusta lotta, mostrando un approccio coercitivo nei confronti di chi di noi lotta per il recupero e la difesa del territorio.

*Tuttavia, così come condanniamo le azioni repressive dello Stato contro le comunità in resistenza, vogliamo anche mettere in chiaro che non accetteremo alcuna deviazione dal nostro percorso di lotta, così come stabilito nel weichan mapuche, che ci ha dato una serie di principi e norme che sono la migliore eredità dei nostri antenati per ricostruire il nostro Popolo. Questa eredità è la nostra migliore arma per continuare a praticare la nostra resistenza, quindi, vediamo anche con preoccupazione la presenza e l’influenza di agenti esterni alle comunità che cercano di introdurre droghe e cattive pratiche principalmente verso i nostri weche, al fine di trasformarli in consumatori o bande dedite al traffico di droga.

Facciamo un appello urgente e necessario per condannare ogni presenza del traffico di droga nelle comunità mapuche, chiarendo che con questo flagello che già affligge i non mapuche nei settori popolari, si creano le condizioni perché questo dannato sistema distrugga la nostra matrice sociale, politica e culturale. Chiediamo alle altre organizzazioni e comunità mapuche di fare un’autocritica attraverso nütran e trawün per fare una demarcazione categorica di fronte a questa realtà crudele e triste che può colpirci dall’interno, soprattutto per quelli che sono gli effetti generati dalla presenza e dal consumo di droga nei nostri territori.

Questa deve essere una condanna forte e chiara contro ogni espressione di tratta e consumo, perché non solo minaccia il nostro essere mapuche kimün ka rakiduam, ma anche il nostro impegno a rispettarci come mapuche e a rispettare il nostro stile di vita. Sappiamo che questo sistema e il suo ordine giuridico, militare e istituzionale mirano a sterminare fisicamente e politicamente il nostro popolo in qualsiasi modo e che quindi non si faranno scrupoli a utilizzare tutti i mezzi che sono a loro disposizione. Affrontare questo problema significa anche affrontare il sistema di sottomissione Winka e tutte le sue espressioni che hanno destrutturato la nostra realtà.

*Come organizzazione autonomista mapuche, vediamo con indignazione che, ancora una volta, dagli epicentri della dominazione coloniale Winka, questa strategia contro-insurrezionale sia portata avanti in concomitanza con il lavoro di alcune figure politiche e dagli pseudo-intellettuali mapuche che stanno cercando di tingere ancora una volta di multiculturalismo il processo costituente che i cileni hanno installato. A nostro avviso, si tratta di un nuovo attacco che si sta concretizzando nel quadro di un maggiore consolidamento delle lotte autonomiste e rivoluzionarie di Weichan. Si tratta di un’offensiva politica interventista, iniziata con la discussione dei seggi riservati e che ha la sua massima espressione nelle dinamiche di cooptazione che il mondo istituzionale ha promosso verso i Popoli Indigeni nel processo costituente. I posti riservati rappresentano la continuità coloniale delle quote di partecipazione indigena offerte dallo Stato cileno, che hanno la loro base ideologica e politica nel momento dell’occupazione del Wallmapu. È l’impalcatura politica e ideologica che si installa con il genocidio e l’usurpazione del nostro territorio. Apporti ideologici che nel corso della storia hanno fatto parte dell’oppressione rappresentata, ad esempio, nelle corti indiane, nei Titoli della Misericordia, nel sistema riduzionista e in una serie di precedenti giuridico-istituzionali che provengono dalla storia nera e rappresentano il trasferimento della logica coloniale di dominio al mondo attuale. Spazi di sopravvivenza e sottomissione che persistono fino ad oggi, dove vige la logica monoculturale degli stati dominanti e l’integrazione forzata si cristallizza nello stesso tempo in cui tentano di distruggerci come popolo.

I posti riservati e la partecipazione al costituente rappresentano la stessa cosa; essi derivano dal potere winka e funzionano per il potere winka. Vediamo con rabbia e dolore come ancora una volta queste dinamiche si manifestano in politica per convincerci che questa è la via per ottenere i nostri diritti fondamentali. Ancora una volta, una certa leadership assestata di potere e che non ha la legittimità conquistate nella lotta territoriale, sta cercando di incanalare il movimento mapuche verso un percorso istituzionale, ignorando una lotta che ha significato la morte dei nostri weichafe, la prigione politica, la tortura e la repressione delle comunità in lotta.

Chiediamo al nostro popolo di continuare la lotta autonomista e rivoluzionaria rafforzando la resistenza contro il capitalismo, esercitando un vero controllo territoriale, lottando e combattendo contro i nostri veri nemici. Questo è l’unico modo per ricostruire la nostra nazione nella sua matrice culturale e nei nostri spazi territoriali e politici. Dobbiamo rompere con le strutture del potere coloniale così come smettere di essere subordinati alla cultura Winka.

Rafforzare la resistenza dei territori, i weichan, per lavorare e combattere per la ricostruzione nazionale Mapuche.

Per il territorio e l’autonomia Mapuche

Fuori le forestali e ogni manifestazione capitalista nel Wallmapu

Libertà a Daniel Canio e ai prigionieri politici mapuche.

Lof temulemu Traiguén

Lof pidenco lumaco

Lof yeupeko Vilcun

Comunidad temulemu chico

Comunidad llollowenko

Coordinadora Arauko Malleco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: