COMUNICATO DEL COORDINAMENTO ARAUCO MALLECO

Al nostro popolo Mapuche, all’opinione pubblica cilena e internazionale, la CAM e le sue diverse ORT comunicano quanto segue:


– In primo luogo, dichiariamo il nostro pieno appoggio ai pu peñi ka pu lamgen del territorio di Kiñel mapu Makewe di fronte ai recenti avvenimenti nel loro territorio e alle accuse razziste e infondate fatte da vari settori del mondo politico ed economico cileno. Come CAM, sosteniamo la responsabilità dello Stato del Cile per la morte del carabiniere, in quanto sono loro che ci hanno stabilito come loro nemico interno, dichiarandoci guerra ogni volta che si sono schierati con gli interessi del grande capitale, generando un conflitto a bassa intensità per militarizzare e dare libero sfogo alla repressione selettiva e indiscriminata delle nostre diverse espressioni di lotta. Così come ci sono vittime tra le fila del nemico, anche noi abbiamo vissuto l’assassinio del nostro popolo, una questione che assumiamo con dolore e rabbia, ma siamo categorici nel sostenere che sia le morti bilaterali passate che quelle future sono e saranno responsabilità dello Stato criminale e dei suoi vari governi al potere; in questo caso, a causa dell’azione dei carabinieri che hanno sempre agito come guardia pretoriana del capitale, uccidendo, sparando ai bambini, agli anziani, alle donne, e creando falsi montaggi contro il nostro popolo.- Riaffermiamo il nostro rakizuam weichan attraverso l’orizzonte strategico della Liberazione Nazionale Mapuche, cercando di accumulare forze e di gettare le basi della nostra emancipazione come popolo oppresso, un processo che implica una capacità politica, ideologica, sociale, culturale, ma soprattutto spirituale, come ha fatto i nostri kuifikecheyem.- Come espressione rivoluzionaria del movimento autonomista mapuche, ci impegniamo a continuare nello sviluppo di processi di lotta coerenti, a non compromettere i nostri principi e a combattere ideologicamente contro tutti i detrattori che sono rifugiati nelle istituzioni Winka e coloniali. Riteniamo che l’attuale aspirazione plurinazionale e la partecipazione “indigena” al processo costituente siano l’espressione contemporanea di una logica coloniale di sottomissione con la quale si cerca di mettere una camicia di forza all’autonomia weichan e mapuche, poiché questi sono sottomessi allo stesso meccanismo di partito cileno che storicamente ha protetto il grande capitale. Chiediamo ai Mapuche di non cadere in questo inganno, perché l’autonomia si ottiene attraverso la lotta territoriale, non dall’alto, e senza mendicare quote di potere o inchinarsi a nessuno. Il processo costituente non garantisce una trasformazione strutturale che risolva i problemi di fondo e la violenza coloniale a cui siamo sottoposti. È quindi una contraddizione che certi “illuminati”, presunti intellettuali della nostra storia e della storia del popolo di Abya Yala, aspirino a partecipare a tali spazi istituzionali con caratteristiche plurinazionali, gli stessi che sono stati utilizzati a livello continentale per affinare la cooptazione neoliberale dei settori più incerti, abituati a mendicare una rappresentanza politica da parte delle élite.La strada plurinazionale organizzata dall’alto, così come viene postulata oggi, è un ostacolo all’autonomia rivoluzionaria mapuche, poiché implica il riconoscimento dell’assoluta legittimità dello Stato cileno nel Wallmapu, una condizione alla quale resistiamo e per la quale il nostro popolo ha versato sangue, ha subito persecuzioni e incarcerazioni. Non è una novità che questo percorso politico dall’alto, sia attualmente rappresentato dagli accademici Mapuche che, da Santiago, vogliono approfittare delle conquiste e dei successi del movimento autonomista per aumentare il loro prestigio intellettuale e politico. Noi, dalle esperienze di controllo del territorio, ci rammarichiamo che ci siano dei Mapuche così assetati di potere. Riteniamo che le loro azioni siano di basso profilo, al punto che molti hanno stretto patti con la destra o con i settori più forti dell’imprenditoria e hanno ignorato le degne azioni di resistenza del nostro popolo per garantirsi la propria partecipazione nelle sedi istituzionali. Tuttavia, nel Wallmapu la situazione è ben lontana da questa pseudo realtà di Santiago, poiché il razzismo e il fascismo estremo, continuano a sottomettere il nostro popolo e nei nostri Trawün, Palin, Nguillaimawün; qui viviamo il weichan, la repressione, il controllo del territorio e la resistenza.- Come pu weichafe abbiamo intrapreso una lotta frontale contro gli interessi del grande capitale, continueremo con il controllo territoriale e il sabotaggio, poiché la disposizione dello Stato del Cile ci condanna allo sterminio aggravando l’espropriazione, le incursioni, la militarizzazione, la persecuzione politica e la prigionia politica. Continueremo quindi con il Weichan, assumendoci tutte le conseguenze che ciò comporta, compresa la morte. È in questo scenario che rivendichiamo le seguenti azioni eseguite dalle varie ORT (Organizzazioni Resistenza Territoriale) del Wallmapu;  
-Fondo Rukamanke, foresta di Mininco, 5 macchine di ultima generazione completamente bruciate. Temuco ORT- Nagche Ankanamun (febbraio)- Settore di Chacamo, foresta di Mininco, un camion bruciato. Carahue, ORT Lavkenche (aprile)- Fondo Santa Elena, tre trattori, un bulldozer e un camion. Freire Villarica Road, ORT- Wenteche Kvlapan (aprile).- Fondo El Puma, foresta di Arauco, due mietitrebbie, Panguipulli. ORT Huilliche Kalfulikan (maggio).- Fondo Los Tallos, foresta di Arauco, due mietitrici. Panguipulli – Los Lagos, ORT Huilliche Kalfulikan (maggio)- Fondo San Ernesto, foresta di Mininco, uno skidder, una slitta e un container. Contulmo, ORT Lavkenche- Levtraru (luglio).- Macchinario Yanakona Norin. Traiguen, ORT Nagche Mañil Wenu.- Los Riesqos, forestale Anchile, un camion e un container. Purranque, ORT Williche Kalfulikan (agosto).- Fondo La Castilla, foresta di Arauco, 4 mietitrebbie e un camion. Loncoche, ORT Williche Kalfulican (agosto).- Fondo Pichibureo, foresta Mininco, besalco, 6 macchine e 3 camion completamente bruciati. Mulchén, ORT Wenteche Katrileo (agosto).- Fondo Saboya, forestal Mininco, contractor cerda, 5 macchine e 2 autobus sabotati. Los Sauces, ORT Nagche Pelontraru (settembre).- Ruta Purén- Lumaco, due autocarri forestali, comune di Lumaco, ORT Nagche Pelontraru (settembre).- Fondo Vista Hermosa, foresta di Cautín, macchinari bruciati. Padre Las Casas, ORT Wenteche Katrileo.- Fondo Antofagasta, foresta di Cautín, macchinari bruciati. Traiguen, ORT Nagche Manguil Wenu.- Fondo San Carlos, Mininco Forestale, una macchina e un camion bruciati. Selva Oscura, ORT Wenteche- Manguil Wenu.- Fondo Nahuelcura, foresta Mininco, 7 macchine e 3 camion completamente bruciati. Cunco, ORT Wenteche Matias Katrileo.
Infine, esortiamo le altre forme di resistenza, le comunità in lotta, a dare continuità al Weichan, attraverso una lotta frontale per recuperare il territorio e la libertà del nostro popolo. Unirsi nella lotta, rafforzare i processi, mantenere la dignità che caratterizza i Mapuche che lottano per il territorio e l’autonomia, non lasciarsi sconfiggere dagli apparati economici e politici. Non permetteremo che vengano a parlarci di pace, quando hanno massacrato il nostro popolo, quando le loro ricchezze sono macchiate di sangue mapuche, quando hanno saccheggiato i nostri territori: vogliono la pace, ma con il popolo mapuche in ginocchio. Che la lotta continui fino a quando non cacceranno le compagnie forestali, le compagnie idroelettriche e i proprietari terrieri che ci hanno portato via il nostro territorio e la libertà con la morte, i proiettili e la prigionia. L’autodifesa e il sabotaggio contro l’invasione sono legittimi.

PER IL TERRITORIO E L’AUTONOMIA DELLA NAZIONE MAPUCHE!

FUORI LE FORESTALI, LE IDROELETTRICHE E LE ALTRE FORME DI INVASIONE CAPITALISTA DEL WALLMAPU!

LIBERTÀ PER DANIEL CANIO E PER TUTTI I PPM!

AMULEPE TAIÑ WEICHAN WEWAIÑ- MARRICHIWEU!!!

NON SIAMO GLI INDIGENI DEL CILE, SIAMO MAPUCHE!!!!
COORDINADORA ARAUCO MALLECO.


Fonte; https://www.facebook.com/2057153087919804/posts/2496281487340293/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: